Seguici su Facebook Seguici su Twitter
 

L'Interporto

L’Interporto della Toscana Centrale è una Società a maggioranza pubblica, nata nel 1984 come polo logistico della Toscana centrale. Occupa una superficie di circa 700.000 mq sulla quale sono stati realizzati magazzini per circa 91.000 mq coperti, uffici per 23.000 mq, viabilità e parcheggi interni per 104.000 mq, un’area a verde per 191.000 mq e dove sono insediati oltre 60 operatori. L’Interporto è dotato di una moderna piattaforma ferroviaria di circa 90.000 mq per l’interscambio gomma-rotaia con otto fasci binari di lunghezza maggiore di 600 mt, il cui sistema ferroviario è alimentato da un raccordo al fascio Prato Sud situato sul Corridoio “scandinavo-mediterraneo” del Sistema Europeo TEN-T quindi asse strategico per lo sviluppo italiano e cruciale per l’economia europea. Si colloca nel cuore dell’Italia centrale, in particolare è posto esattamente all’incrocio delle direttrici che uniscono in nord dell’Italia con il sud e le due coste, adriatica e tirrenica.

L'Interporto è collocato nell'area maggiormente industrializzata della Toscana ed una delle maggiori in Italia. In particolare l'area pratese è dotata di importanti aree produttive quali macrolotti industriali. Del resto, il sistema produttivo pratese, da sempre ha esportato i propri prodotti nel mondo ed ha, quindi, costituito una rete di spedizionieri con corrispondenti in tutti i maggiori centri mondiali di concentrazione delle merci. A livello locale, l’area interportuale è situata in località «Gonfienti», in prossimità dell’uscita Prato Est dell’Autostrada Firenze-Mare (A11), di quella di Calenzano dell’Autostrada del Sole (A1) e della SGC Firenze-Pisa-Livorno mentre l’aeroporto “A.Vespucci” di Firenze si trova a soli 3 km.

Al fine di sviluppare una quota determinante di traffico intermodale, dare un servizio completo ed efficiente anche in ambito ambientale e per rispondere alle richieste degli operatori, è stato promosso un processo che prevede di affiancare agli attuali uffici doganali che operano per le Provincie di Prato e Pistoia presso l’Interporto, anche quelli della Provincia di Firenze, il servizio CITES, Sportello Unico e principalmente la trasformazione della piattaforma ferroviaria in area di temporanea custodia con relativa cinta doganale e gli innovativi “fast corridor” controllati di raccordo con i porti di Livorno (a 80 km) e La Spezia (a 120 km).

Poiché TEN-T è uno strumento essenziale per consentire alla politica dei trasporti di raggiungere la meta generale di una riduzione del 60% delle emissioni dei trasporti entro il 2050, in questa ottica l’Interporto si pone anche l’obiettivo di ottimizzare il processo di distribuzione di merci nelle aree urbane, “city logistic”, attraverso un sistema di logistiche telematiche che faciliteranno il monitoraggio e la comunicazione fra gli attori coinvolti nel processo.

 

 

Allegati disponibili