Seguici su Facebook Seguici su Twitter
 

Infrastruttura

Ad oggi l’Interporto della Toscana Centrale, in cui sono insediati oltre 60 operatori, si estende su un’area di oltre 700.000 mq con 78.000 mq di aree scoperte raccordate, 6.400 mq di parcheggi, 19.000 mq di aree scoperte senza vocazione; 90.000 mq di aree coperte sono invece composti da 64.000 mq di magazzini con ribalta gomma/gomma, 4.300 mq di magazzini con ribalta gomma/gomma anche esenti iva e ad accisa assolta, 16.700 mq di magazzini con ribalta ferro/gomma, 5.000 mq di magazzini a temperatura controllata; infine 6.800 mq di uffici.

In dettaglio:               

- Terminale intermodale -  Con quattro binari operativi in grado di trattare treni per una lunghezza di oltre mt. 600. Il piazzale di movimentazione avrà un’area libera con una larghezza di 50 mt ed una superficie operativa circa 30.000 mq. Consentirà il carico e lo scarico di quattro treni al giorno per una movimentazione di oltre 120.000 TEU per anno.

- Area per la movimentazione a carro - Con due binari dedicati della capacità di stazionamento di oltre 580 mt ciascuno. Il piazzale di movimentazione avrà un’area dedicata con una larghezza di 25 mt ed una superficie operativa di circa 14.000 mq. Consentirà il carico e lo scarico minimo di un treno al giorno per una movimentazione totale di 200.000 ton x anno.

E’ da notare che la disposizione dell’area, in affiancamento a quella del terminale intermodale, per cui è facilmente intercambiabile l’operatività del trasporto a carro con  quella intermodale.

- Fabbricati di movimentazione merci con ribalte raccordate alla ferrovia e bocche di carico per il trasferimento da e per la strada. Si tratta di due fabbricati contigui della superficie rispettiva di mq 3.565 e 12.435 e quindi per complessivi circa 16.000 mq per una altezza di mt 11,50 libera, vocati ad una logistica con componente ferroviaria importante, in grado di movimentare oltre 200.000 ton x anno. I fabbricati sono dotati di uffici dedicati per complessivi mq 2280 distribuiti su più piani.

- Binari di stanziamento -  Il sistema ferroviario è alimentato da un raccordo al fascio

PRATO SUD, posto sulla linea FI – BO e FI – PT. Da questo si dipartono otto aste complessive (quattro per l’intermodale, due per la movimentazione a carro e due di rifornimento dei magazzini).

Intermodale, 2 movimentazione e carro e 2 di rifornimento dei magazzini) dedicate alla movimentazione dei treni. Dal lato opposto è presente uno scalo di appoggio per consentire l’accumulo di treni in attesa di lavorazione articolato su tre aste per complessivi mt  893 in grado di far stazionare 30 carri.

- Supporti – La piattaforma è corredata da vari supporti che ne integrano la funzionalità.

▪ Fabbricato di controllo della sup. di circa 300 mq.

▪ Pesa fino a 40 ton.

▪ Rimessa del locomotore con fossa di visita.

▪ La Società dispone già di un locomotore di manovra e di uno stacker.

Tutta l’area della piattaforma è sorvegliata da un sistema di controllo degli accessi e sorveglianza perimetrale, che fa capo ad una centrale operativa integrata con il controllo dell’intera area interportuale.